Atto Psicomagico,  Gocce di Venere

Atto Psicomagico – Giorno 8 – Il Lato Maschile della Donna

Jung l’ha chiamato Animus ed è l’aspetto Ombra della Donna, ovvero una zona inconscia, qualcosa che la Donna sente dentro di sé e di cui spesso è poco, o per nulla, consapevole, nemmeno conscia.

Si tratta della sua forza, della capacità di affermare se stessa, di mettere confini, di dire no e di difendersi. Il Lato Maschile è quella parte che custodisce la materia, che la lavora e la cattura.

Spesso confuso con l’uomo – così come il lato femminile viene confuso con la donna -, il Lato Maschile della Donna è una parte di lei e le dona consistenza, autonomia, solidità e sicurezza.

Anche in questo caso, quando una parte è nascosta nell’Ombra, questa viene proiettata su un soggetto esterno, su sintomi o atteggiamenti inconsci come i lapsus e gli atti mancati (che sono come lapsus del comportamento).

Il Lato Maschile concerne il sole, il padre, il seme, la spada, così come il fallo, la potenza, l’azione, la fecondazione. Comportamenti o sintomi che riguardano questi aspetti parlano di Lato Maschile messo in Ombra e che si manifesta nella Proiezione per poter essere visto ed integrato.

Per esempio, le infiammazioni sono sintomi che riguardano l’elemento fuoco, ovvero energia Maschile, quindi rappresentano un Maschile messo in Ombra che si proietta appunto sul sintomo.

Odio e rancore nei confronti degli uomini, oppure nei confronti di donne con un Lato Maschile ben sviluppato, come l’intraprendenza o la ricchezza materiale, sono sintomatici di un Lato Maschile messo in Ombra.

Anche la violenza subita, l’invasione, l’insistenza da parte di altri, rappresentano la proiezione di un Lato Maschile messo in Ombra.

L’Ombra è quella parte della nostra psiche in cui sono conservate tutte quelle cose che non vogliamo fare o essere, ovvero quello che abbiamo nascosto per poter essere amati dalla Famiglia.

Quindi, se in Famiglia il Lato Maschile era visto male, potevano esserci argomenti del tipo:

  • i ricchi sono persone cattive
  • il nonno picchiava la nonna
  • tuo zio ha tradito tua zia e se n’è andato
  • gli uomini sono tutti ubriaconi
  • le donne in carriera sono di facili costumi
  • se te ne vai, non ti voglio più bene
  • se ti trovi un lavoro all’estero, io come faccio senza di te?
  • una donna che vive da sola è una zitella oppure una prostituta
  • una donna che guadagna bene può fare a meno dell’uomo

e così via…

In questo caso, la figlia mette da parte il suo Lato Maschile, in modo da essere amata dalla Famiglia, e lo proietta su altri soggetti, oppure sui sintomi, così che siano gli altri a fare la parte dei cattivi e lei possa restare dalla parte dei buoni che sono amati e che si garantiscono l’appoggio dei cari, quindi la sopravvivenza.

Per una Donna, è di vitale importanza sviluppare il Lato Maschile, che la rende completa, forte, autonoma, decisa, piena in se stessa e con un buon equilibrio interiore che le permette di relazionarsi in modo sano con gli uomini e con le altre donne.

Una Donna con un Lato Maschile debole si trova spesso confusa, debole, persa… si sente brutta, inutile, fiacca… pensa di non avere niente da dare, permette agli altri di invaderla, di chiederle favori oltre misura e di occupare il suo spazio. Una Donna con un Lato Maschile debole fatica a definire il proprio spazio.

Una Donna con un Lato Maschile assente cerca sempre qualcosa che la riempia, perché il Lato Maschile, ovvero colui che riempie la coppa, è appunto assente. Quindi sono favorite le dipendenze di ogni genere, così come il rischio di depressione e di esagerazione in ogni campo.

La Donna ha proiettato molto il proprio Lato Maschile sugli uomini e sulle donne a cui delegava ogni aspetto ritenuto sconveniente o cattivo. Gli uomini erano quelli prepotenti, quelli grezzi, quelli che si picchiavano o facevano a gara per ottenere qualcosa…

Allo stesso modo, l’Uomo ha proiettato il proprio Lato Femminile sulle donne o su altri uomini, sempre per poter essere accettato. Perciò le donne erano quelle sensibili, deboli, vulnerabili, che si commuovevano per una nascita o diventavano rosse davanti ad un complimento…

Tutte queste proiezioni hanno portato le persone ad essere scisse da se stesse ed accusarsi a vicenda, restando monche.

Tuttora, la sensibilità degli uomini è giudicata male tanto quanto la forza delle donne.

Siamo ad un momento in cui possiamo integrare queste parti e divenire individui completi.

Un approfondimento di questo tema si trova nell’articolo:
Il Lato Maschile della Donna
e nel video
Femminile e Maschile nell’uomo e nella donna

Buona ricerca e grazie per l’ascolto,
Rossella Incanto