Blog

Meglio il cane…

Ci siamo arrivati, infine.

Un articolo afferma che

“dormire con un cane è meglio che dormire con una persona”.

Siamo riusciti a farci fuori gli uni con gli altri,

passando per benefattori ed amanti della natura.

I tiranni della storia ci hanno davvero insegnato qualcosa.


Dopo l’isolamento da progresso,

dove ognuno ha il proprio appartamento,

la propria tv,

la propria auto,

il proprio cellulare,

il proprio di qualunque cosa,

ora una persona può fare a meno delle altre persone,

ed escluderle dal proprio letto.


Il proprio, per l’appunto.


Il fatto è che, però,

senza una sana o anche conflittuale relazione con i pari,

una persona diviene, in definitiva,

fragile e dipendente da un potere superiore,

perde la capacità di fare gruppo,

difendere e preservare il bene comune,

unirsi per un progetto collettivo.


Ognuno fa per sé.


La disgregazione diviene totale su ogni fronte…


Al contempo, ci sono dei vantaggi evidenti,

bisogna ammetterlo.


In questo modo, si evita il rischio del confronto,

di qualcuno che ti contraddica,

che ti dica che puzzi,

che russi,

che quel vestito di sforma,

che hai torto marcio.


Viene escluso ogni rischio di vedere se stessi.


D’altronde, però, si sa,

l’animale “emette onde benefiche per il nostro stato di salute,

è un potente antistress”.

Una specie di gommino da stritolare la sera

quando torni a casa dopo una giornata in cui

non sei stato capace di risolvere i problemi coi tuoi simili.


Negli anni ’90, si leggeva che il miglior modo

per restare felici ed in salute

era praticare due ore di sesso alla settimana.

Si spendevano pagine e pagine per spiegare

come, dove, quando, quanto fosse meglio darsi

a questo piacevole esercizio delle funzioni vitali.


Gli autori lasciavano sottinteso che

il compagno di giochi fosse un altro essere umano.


Forse adesso sarebbe meglio specificare.


Anche se suppongo che il problema sia risolto all’origine.


Di questi tempi, una persona può fare a meno

di dormire con un’altra.


Tanto c’è il cane.


Contenta lei…


Rossella Incanto